Dammi un’idea, non dirmi fai tu

Cercasi falegname che sappia lavorare con le idee. Era il 2011, MontagnAnimata un cantiere. Serviva qualcuno che da un disegno stilizzato sapesse farne meraviglie. Prendi il dendrofono: lo vorremmo così e così.

Il risultato è talmente buono che Marcello Delladio non lo lasciamo più. Quando arrivo con un nuovo progetto si mette le mani nei capelli. Sono cinque minuti, poi vince la curiosità.

La base è uno schizzo, poche righe su carta

Marcello Delladio nella sua bottega

Marcello Delladio nella sua bottega

A cosa serve? Quanto grande? Dove andrà messo? La scelta del legno viene dopo. Se il progetto è semplice mi metto subito al lavoro. Se è complesso (nove volte su dieci) studiamo insieme il funzionamento. Il mulino ad acqua non è nato in un giorno. Capito il progetto, si comincia.

assemblaggio componenti mulino nella bottega

assemblaggio componenti mulino

Pino, abete, larice, cirmolo, frassino non sono uguali. Il legno ha colore, venature e capacità di resistenza diverse.

Storia di un balletto, dietro le quinte

Fabrizio Bortolotti

Fabrizio Bortolotti

messa in opera del mulino

messa in opera del mulino

fissaggio ruota del mulino

fissaggio ruota del mulino

La scelta del luogo giusto richiede ingegno, tempo, cura. Fabrizio non transige, niente ancoraggi impattanti. Dove pensate di montare il mulino ad acqua? Non certo lì.

Con Marcello definiamo i pezzi, gli incastri, le dimensioni. Gli artisti non sono da meno. Hanno una loro idea del risultato finale. Le nuvole vanno appese in alto, un bel pezzo più su! E io non rinuncio certo all’idea originale. Così non va, troviamo un altro modo.

Ogni modifica, anche la più piccola, va condivisa. Inizia un balletto serrato tra laboratorio e sentieri, matite, pialle e morsetti. Finché non è tutto pronto per assemblare la struttura. Ma vietato abbassare la guardia. C’è il trasporto e chi vigila il lavoro.

Prendi l’acqua, senza versarne una goccia

gocce sul ciclo dell'acqua

gocce sul ciclo dell’acqua

Il lavoro preliminare è sempre molto attento ma gli imprevisti ci sono. Tocca aggiustare. Quella volta del mulino ad acqua è stata un’impresa. Sagome che salgono e scendono, illustrazioni da incidere, pesi e contrappesi da stimare. Ma se lo mettessimo in quel torrente?

A volte bisogna accettare anche un “no” perentorio, altre – anche se mancano 24 ore all’apertura, piove a dirotto, siamo in piedi dalle 6 – si trova il modo e si fa.

Marcello all'opera

Marcello all’opera

montaggio delle nuvole

montaggio delle nuvole

Il ciclo dell’acqua era stato pensato così: nuvole alte da far alzare lo sguardo. Che sia impossibile resistere e passare oltre. Ma ci vuole qualcuno con le ‘carpele’ che si arrampica fin lì, saranno 6 metri da terra. Sergio è il nostro boscaiolo. Sa il fatto suo.

Mica l’abbiamo lasciato solo. Qualcuno che controlla c’è. Sarà per quello che non mi vogliono in fase di montaggio?

saraa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...