Simone Frasca, quel che non dice

Simone arriva dal mio girovagare alla ricerca di ispirazione da portare in scena. Vai, ascolti, osservi e pensi: in anfiteatro che magia potrebbe sprigionare? E il corteggiamento ha inizio! Nel 2013 era qui a raccontare di draghi, maiali e animali fantastici.

Di sé dice: scrivo e illustro libri per bambini, progetto mascotte e campagne di pubblica utilità. Quel che non dice è che con una lavagna di carta e un pennarello nero – due cose semplici come acqua e sapone – sa affascinare un pubblico di bambini e tenerli stretti ad ascoltare per ore.

Simone è un cantastorie che sveglia la fantasia! In anfiteatro c’è l’erba sottile, il sole che filtra tra i larici, i bambini si stendono sul plaid quadrettato ma non dorme nessuno. Le storie si fanno insieme.

Se lo stai a sentire, ti racconta che…

Mi era capitato di raccontare storie ai bambini prendendo il traghetto, all’Isola d’Elba. Quando mi hanno invitato al Festival di Letteratura di Mantova, ho detto: bicicletta. Prendere il treno è quasi un’abitudine. Ma andare a un incontro in cabinovia è stata un’esperienza unica.

frascaLa prima volta che ho visto l’anfiteatro in mezzo agli alberi e gli spettatori seduti sui tronchi, ho pensato: ecco un’assemblea di marmotte! E quando mi preparo per un incontro? Mi tocca dare il grasso agli scarponi, riporre i pennarelli  nello zaino, riempire la borraccia. Tu pensi che MontagnAnimata sia un posto come un altro! Non è mica così.

MontagnAnimata  è come il Tao, un equilibrio perfetto fra quiete e movimento: la quiete delle  foreste e il movimento continuo della  creatività. Guai a lasciarsi scappare un’idea: dopo dieci minuti la trovi realizzata. Una meraviglia! Avanti così.

Le fiabe storte del dahù, una delle 4 è nata così

Un viaggio in seggiovia, le marmotte là sotto, gli animali fan-ta-sti-ci che sbucano dal nulla e due creduloni come me e Simone: il gioco è fatto! Le fiabe storte del dahù nasce da un bellissimo circolo virtuoso di ispirazione e creatività che si rinnova di continuo. E va a finire che io partecipo a un master per illustratori e Simone si improvvisa progettista di installazioni interattive! Vero Simone che non ci vogliamo proprio svegliare?

Le fiabe storte del dahù è il nuovo giocolibro dell’estate 2015. Lo trovate al punto-info a Gardonè. Ma le tracce sono in quota, tutte intorno al rifugio Passo Feudo.

saraa

Advertisements

3 thoughts on “Simone Frasca, quel che non dice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...